Storia dell'Oltrepò pavese

Voghera e il suo Duomo dal Medioevo al seicento

di Gustavo Ferrara
duomo

Premessa

Con questo primo articolo, dedicato alla storia del Duomo di Voghera, inizio una serie di pubblicazioni volte ad approfondire gli aspetti storico-artistici della Collegiata di San Lorenzo Martire, una delle chiese più vaste ed interessanti della Provincia di Pavia. L’intenzione finale è quella di rendere noto al lettore, laddove non lo conoscesse, questo importante monumento, che con la sua architettura testimonia il periodo di passaggio tra il barocco e il neoclassico, e che nei suoi tesori artistici custodisce una notevole parte della Storia dell’Oltrepò pavese e del tortonese.

Introduzione

L’attuale piazza Duomo è il fulcro della vita religiosa cittadina da tempo immemorabile: in epoca romana vi sorgeva un tempio pagano, che con l’avvento del Cristianesimo fu sostituito da una chiesa. In quello stesso luogo si sviluppò la Pieve medioevale, e lì sorge oggi la Collegiata di San Lorenzo Martire, la cui storia si ricollega a quelle lontane origini.

Per conoscere meglio questa storia mi sono recato in loco ad incontrare l’Ingegnere Giorgio Rossi, grande conoscitore del Duomo e parte del Consiglio degli Affari economici, autore di due pubblicazioni sulle opere d’arte lì custodite [1]. D’ora in poi seguiremo il suo racconto per quanto riguarda la storia della Collegiata, integrandolo da parte mia con una breve storia di Voghera nei periodi studiati.

Le prime due chiese

pianta chiesa antica

Pianta della prima chiesa di San Lorenzo (rosso) comparata con l’attuale (nero).
Disegno tecnico dell’ing. Rossi

“Le indagini con georadar effettuate recentemente nell’area del Duomo ci hanno permesso di ipotizzare l’esistenza, ad una profondità di 3,20 m., delle fondamenta di un edificio di perimetro quadrato con lato di 33 m. In mancanza di documenti sono giunto alla conclusione che si tratti della prima Ecclesia di Viqueria (il nome medioevale di Voghera), risalente al X secolo e contemporanea della cattedrale di Tortona.”

Facendo un salto indietro, rileviamo le origini di Voghera: tra i secoli IV e VI d.C., a causa delle invasioni barbariche e delle devastazioni causate dalle continue guerre (che ebbero come teatro non solo il territorio oltrepadano, ma quasi tutta la penisola italica), l’antica città romana di Iria si era spopolata al tal punto che da Municipium era diventata un semplice Vicus [2], rimanendo abitata solo l’area a nord dell’attuale Piazza Castello. Tra VII e X secolo il borgo cominciò lentamente a ripopolarsi, ma l’attuale piazza Duomo restava ancora campagna aperta, essendo ciò attestato dal fatto che la chiesa di S. Lorenzo fosse una pieve, cioè una chiesa rurale.

Agli albori dell’ XI secolo il borgo di Viqueria gravitava nell’area di influenza del vescovo di Tortona, ed era composto da due nuclei fortificati [3]: il castrum Santi Marciani, avente il suo centro nella pieve, e il castrum Sancte Marie, appartenente al Monastero del Senatore [4] e da qualche piccolo quartiere extramurale.

pieve

L’antica Pieve.
Disegni tecnici dell’ing. Rossi

In quest’epoca venne costruita la “seconda Chiesa”, o Pieve:

“Il complesso pievano di San Lorenzo, nato tra i secoli XI e XII, era costituito da un’oratorio dedicato a San Giuseppe, un granaio, un chiostro, un brolio alberato, dalle residenze dei canonici e dell’Arciprete, la Sacrestia e ovviamente dalla Pieve. Quest’ultima, in stile romanico con tre navate e sei colonne che dividevano la navata centrale dalle altre due, sorgeva appoggiata alla torre municipale, e aveva notevoli dimensioni (ca. 1600 mq.). Di tutto questo oggi restano alcune tracce: l’affresco della Madonna del Soccorso, il Crocefisso della peste nell’altare omonimo, la base del campanile (segnata da grossi blocchi di pietra), una porzione di abside, il muro medioevale lato nord e una fonte battesimale del quattrocento.”

Nei secoli successivi Viqueria entrò definitivamente nell’orbita del Comune di Pavia, a cui rimase legata politica e amministrativamente fino ai nostri giorni. La definitiva sottomissione dei ticinesi da parte di Galeazzo II Visconti nel 1360 segnò l’inizio del dominio della potente famiglia milanese, che commissionò la costruzione di una cerchia muraria e di un Castello, tuttora esistente.

Sotto il Duca di Milano Filippo Maria Visconti, nel 1436, il territorio di Voghera fu infeudato al condottiero Luigi Dal Verme, che possedeva già vasti territori nell’appennino pavese e piacentino. I Dal Verme rimasero titolari del feudo fino al cinquecento.

Durante le guerre d’Italia (1494-1559) le dominazioni succedutesi nel Ducato di Milano si riflessero anche su Voghera, che fu in mano francese, asburgica e sforzesca fino al definitivo affermarsi del dominio degli Asburgo di Spagna con la pace di Cateau-Cambrésis nel 1559.

Intanto il borgo aveva avuto un notevole incremento demografico, e la Pieve ormai rovinata non riusciva più a contenere tutti i fedeli, ragion per cui, tra la fine del cinquecento e l’inizio del seicento, fu decisa la sua demolizione e la sostituzione con una nuova chiesa più grande. L’ing. Rossi ci racconta i dettagli:

“Un’importante fonte per capire la situazione politico-economica in cui matura la decisione di abbattere l’antica pieve è la causa tra Stefano Novati (proprietario terriero sia ad Oriolo sia in piazza Duomo) e la Comunità vogherese. In essa notiamo che il popolo che partecipava alle funzioni religiose nella pieve era di gran lunga superiore alla sua capienza massima, e inoltre pare che spesso i cittadini manifestassero apertamente un forte malumore.

Dunque prima di tutto le motivazioni che hanno portato alla fine dell’antica Pieve furono di ordine materiale. Tuttavia, c’è, un’altro aspetto da prendere in considerazione: il fatto che si fosse in piena Controriforma. Nel Concilio di Trento si era posto il problema della riforma e del rinnovamento della chiesa, non solo sotto l’aspetto religioso e comportamentale degli ecclesiastici, ma anche sotto altri aspetti, come il restauro dei luoghi di culto o la definizione di un nuovo stile nelle arti, come la pittura della Controriforma (di cui un notevole esempio è il dipinto l’Adorazione dei Magi, di Ercole Procaccini il giovane, esposta nel Duomo il giorno dell’Epifania). Potremmo dunque ipotizzare che anche questo ambiente culturale abbia influito fortemente nell’idea di costruire l’attuale Collegiata.

Alla fine fu deciso, di comune accordo tra la comunità vogherese, i canonici della Pieve, la famiglia Dal Verme e il Vescovo di Tortona Gambara, di costruire una nuova chiesa più grande, il cui costo di costruzione sarebbe stato diviso nel seguente modo: il corpo centrale l’avrebbe sostenuto la comunità vogherese, il Coro i canonici e la Sacrestia la famiglia Dal Verme.

Il 31 maggio dell’anno 1605, dopo un grande corteo a cui parteciparono le principali autorità religiose e civili venne posta la prima pietra della fabbrica del Duomo, e l’evento fu seguito da una grande messa.”

Il racconto finisce qui per ora, ma nelle prossime settimane dedicherò altri articoli al Duomo di Voghera, che approfondiranno i cicli pittorici del novecento che decorano l’interno e i tesori lì custoditi, in modo da offrire una conoscenza il più possibile completa a tutti i lettori di Viqueria.

I prossimi articoli saranno pubblicati nel Portale “Turismo e tradizioni” come parte della sezione “Turismo in Italia” e nella categoria “Grandi monumenti”

Gustavo Ferrara

Voghera nel secolo XVI, con l’antica Pieve e i campanili. Disegno dell’ing. Rossi.

 

Attualmente il Duomo di Voghera è in fase di restauro. Chiunque voglia collaborare al ripristino dell’antica fabbrica può fare una donazione alle seguenti coordinate:

Intestazione: Parrocchia di San Lorenzo – Voghera

Cod. Fiscale: 86001050185

Iban: IT 81 X 08324 56400 000000613266 (Banca di Credito Cooperativo)

Causale: Pro restauro Duomo

Voghera e il suo Duomo dal Medioevo al seicento ultima modidfica: 2014-01-15T18:38:26+00:00 da Gustavo Ferrara

Citazioni e riferimenti

[1] Mi riferisco alle seguenti pubblicazioni:

I tesori del Duomo ( in realtà non una pubblicazione unica, ma una serie di pubblicazioni )

Gli affreschi del Duomo di Voghera ( in collaborazione con Favio Draghi )

[2] Laura De Angelis Cappabianca, Voghera Oppidum Nunc OpulentissimumGribaudo – Paravia, Torino, 1996. pag. 10.

Molti storici ipotizzano che il nome medioevale Viqueria derivi da Vicus Iriae, traducibile nell’italiano “piccolo abitato di Iria”, o “borgo di Iria”.

[3] Ibidem. pag. 11

[4] Il Monastero di Santa Maria e Sant’Aureliano, detto Monastero del Senatore, era uno dei più importanti monasteri femminili di Pavia. Fondato in epoca longobarda, era situato a nord-ovest dell’attuale Duomo.

Bibliografia

Laura De Angelis Cappabianca, Voghera Oppidum Nunc OpulentissimumGribaudo – Paravia, Torino, 1996.

Alessandro Maragliano, Voghera vecchia (3° edizione)Cooperativa Editoriale Oltrepò – Voghera, 1988.

Pietro Falciola, Voghera visconteaCooperativa Editoriale Oltrepò – Voghera, 1988.

Voghera e il suo Duomo dal Medioevo al seicento ultima modidfica: 2014-01-15T18:38:26+00:00 da Gustavo Ferrara
Viqueria, blog di Storia e Turismo.
Tutti i diritti riservati. Il blog e l'autore detengono il copyright di ogni materiale pubblicato nel sito, sia esso un testo, una fotografia o qualsiasi altro prodotto originale, salvo laddove espressamente specificato. Vietata la riproduzione anche parziale senza l’espresso consenso dell’autore.

Per richiedere una licenza di utilizzo di materiale del sito contattare l'amministratore (ferraragh@gmail.com)

Il sito www.viqueria.com non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", con riferimento alla legge n. 62 del 7/3/2001. Gli articoli e gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità.

2 pensieri su “Voghera e il suo Duomo dal Medioevo al seicento

  1. Quanta storia si cela dietro i monumenti delle nostre città! Complimenti a chi, come te Gustavo, ama riportare alla luce pezzi del nostro passato…mai come in questi tempi avremmo bisogno, anche se non sempre lo percepiamo, di riscoprire le nostre radici!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *